La cultura attiva a Crema

06-10-2020

Da febbraio a oggi abbiamo visto l’esplosione di un’emergenza sanitaria globale, un periodo di lockdown per l’Italia, una fase di lenta riapertura coincidente con la stagione estiva, il periodo delle vacanze, dei festival, degli eventi all’aperto. Ora, con ottobre, iniziamo a riprendere alcune abitudini, seppur con molte nuove regole e precauzioni.

#CulturaCrema, in questo contesto, ha sentito dapprima l’esigenza di interrogare i cremaschi su come stessero vivendo il periodo di lockdown, quali aspettative si stavano creando in particolare verso il settore culturale e verso gli strumenti di comunicazione che sicuramente hanno avuto un ruolo centrale nella vita quotidiana di tutti noi, soprattutto nei mesi di restrizione. Un’esigenza nata dalla consapevolezza che la cultura può avere un ruolo centrale nel benessere delle persone, che la cultura può essere #cura. Capire cosa stava succedendo intorno al CCSA, a Crema e alla cultura cremasca, è sembrato fondamentale per poter orientare le scelte di politiche culturali che sicuramente andranno innovate.

Ne è nato un primo questionario, circolato nell’ultimo periodo di lockdown e fino alla fine di giugno. Contemporaneamente è nata la pagina CulturAttiva, per raccontare il percorso di partecipazione avviato al CCSA nel 2019 e continuato nel 2020, grazie anche a nuovi strumenti che si stanno rivelando non solo innovativi, ma anche caratterizzanti uno spazio nuovo per Crema. I webinar, ad esempio, partiti nel maggio 2020, stanno diventando una nuova modalità di offerta culturale sul territorio.

Oggi, dopo un’estate sicuramente anomala, fatta da un lato di timori e precauzioni, dall’altro di riprese delle consuete abitudini, dopo una rassegna eventi modificata ma non meno animata rispetto agli scorsi anni con 45 proiezioni di Cinema sotto le Stelle e 26 incontri ed eventi culturali, per un totale di 6500 presenze, vogliamo fare il punto e confrontarci con i cremaschi su come hanno vissuto l’estate, come hanno cambiato abitudini e cosa si aspettano per il prossimo autunno ed il prossimo inverno.

Alla fine di questo percorso vorremmo condividere con voi i risultati ottenuti e le riflessioni che emergeranno. Nel frattempo per noi è molto importante condividere e dare la più grande diffusione possibile a questo documento.

Compila qui il nuovo questionario!